En Es Po

La cittadinanza: Come si perde?

I cittadini italiani possono perdere la cittadinanza

  1. Per manifestazione di volontà (rinuncia), se acquistano la cittadinanza di un altro stato (articoli 11, 14, 3 c. 4 legge 91/1992);
  2. per legge, in base alla Convenzione di Strasburgo sulla riduzione dei casi di cittadinanza plurima del 6 maggio 1963, per coloro che acquistano la cittadinanza dei seguenti stati: Austria, Belgio, Danimarca, Lussemburgo, Norvegia, Svezia e, a certe condizioni, Francia e Paesi Bassi. La perdita della cittadinanza avviene anche per i figli minori, se fanno rinuncia entrambi i genitori;
  3. per sanzione, in caso di disobbedienza all’ordine dello Stato italiano di abbandonare un impiego pubblico, una carica o il servizio militare presso uno stato straniero (art. 12 legge 91/1992).

Non hanno perso la cittadinanza italiana i figli degli emigrati italiani, nati all’estero fra il 27 aprile 1965 e il 17 maggio 1967, che non hanno fatto una scelta espressa per la cittadinanza italiana nel periodo di transizione fra il vecchio ordinamento e il nuovo, entro il 17 maggio 1986, come disponeva l’art. 5, legge 21 aprile 1983 n. 123. Vedi a proposito l’approfondimento.