Il racconto di Saverio Pomarolli, tradotto dal libro "TRENTINOS - LARGO SURCO HACIA UN DESTINO" di Rodrigo Iribarren Aviles – 2009

La storia della sua famiglia: originari di Verla, dopo la guerra sono andati mezzadri in Val di Non per poi partire verso il Cile

In foto: Saverio Pomarolli e Mirta Erler - tratta dal libro "Trentinos"

Cartolina di Verla - collezione Bruno Delladio

Veniamo dall'Italia, dalla valle del vino. Non della vite da tavola, del vino (Val di Cembra). Io sono nato nel 1927. Verla di Giovo era un paese povero. Come in tutta Italia c'era molta povertà in quegli anni, perché eravamo usciti dalla guerra mondiale e l'Italia era in bancarotta, tutta l'Italia era distrutta da cinque anni di guerra contro tutto il mondo. Non è colpa nostra, perché i governanti fanno quelle cose e come cittadini eravamo costretti a obbedire.

(...) Durante la guerra, tutti i miei fratelli hanno prestato servizio militare. Uno di loro da sei anni, quattro dei miei fratelli per quattro e alcuni per cinque anni. 'Quanto guadagna un militare? Per comprarsi le sigarette! Quello pagava il governo, nient'altro, a quel momento, adesso sarà diverso. Quanto abbiamo perso noi? Avevamo perso la nostra gioventù, la vita, l'istruzione.' Si sarebbe potuto fare progressi, ma a causa della guerra non è stato possibile. Per fortuna quando la guerra è finita sono tornati ​​a casa, perché tanti se ne sono andati, molti sono morti e non sono più tornati. (...) La guerra è finita, tutti i miei fratelli sono tornati a casa e hanno dovuto mettersi a lavorare, perché uno vive di lavoro.

Foto monumento ai caduti - Verla

Papà era un piccolo contadino, avevamo quattro campi. Sommando i quattro campi non si raggiungeva un ettaro: non erano sufficienti per dar da vivere a noi sette fratelli e una sorella. Quindi andammo da mezzadri in Val di Non, in Trentino. Lì avevamo 12 ettari di terreno, 8 ettari coltivabili, prato e alberi da frutto, mele e pere, quella era la coltura di quella valle e 4 ettari erano per patate, mais, grano e altre cose, perché il pane ci vuole sempre, ci vuole il mais. Ma quel terreno era piantumato con 800 alberi da frutto in produzione. Li abbiamo vissuto 10 anni e in quegli anni abbiamo fatto nuove piantagioni (...)

Cartolina dei Masi di Ton i n Val di Non 

Poi un giorno è apparsa una pubblicazione sul giornale: ci sarebbe stata un'emigrazione in Cile ... In quel periodo avevamo 24 animali, ma metà appartenevano al padrone e l'altra metà era nostra. Avevamo un carro, una carretta, altri attrezzi che ci appartenevano, l’altra parte era del padrone. Così abbiamo detto al padrone: “Noi ce ne andiamo” ed abbiamo ripartito gli animali: abbiamo diviso tra i nostri e quelli suoi.

... Abbiamo venduto gli animali, tutto quello che avevamo, abbiamo comprato nuovi attrezzi, un aratro, un vomere, un erpice - tutto a trazione animale, perché non era una migrazione su larga scala, una macchina per irrorare, una macchina per lo zolfo, pale, picconi, zappe, tutto ciò di cui ha bisogno un contadino. Abbiamo comprato 4 biciclette nuove, tutte nuove, non abbiamo portato niente di vecchio: 4 biciclette, una Lambretta con rimorchio e un mucchio di cose, di attrezzi da piccolo contadino ...

Non abbiamo pagato il biglietto perché lo aveva sovvenzionato il Piano Marshall predisposto dagli USA. Biglietto gratuito in cambio (come incentivo all’emigrazione). I miei fratelli che sono venuti l'anno prima (1951) hanno dovuto pagare il passaggio e hanno speso una grossa somma: 200mila lire a persona per un mese in nave ...

(...) All'epoca vendemmo una bicicletta a un signore che aveva un'officina a “Findel“ a La Serena. Aveva un'officina per la riparazione di biciclette, ci ha pagato 13mila pesos per una bicicletta nuova di marca italiana

... Quindi siamo andati a Pan de Azucar a comprare degli animali, siamo andati con i 13mila pesos in tasca, io e mio fratello, all'Hacienda San Antonio, che all'epoca apparteneva ai Mery, abbiamo comprato un cavallo – una cavalla bianca - abituata a lavorare, una mucca, un vitello e avevamo circa 1.500 pesos avanzati, erano altri valori a quel tempo, e siamo tornati a casa contenti. Abbiamo iniziato ad avere i soldi per la casa, poi con i soldi che ci rimanevano, abbiamo comprato dei polli, una ventina di galline mi pare: non avevano ancora deposto uova, ma erano grandi. Dopo un po' abbiamo mangiato anche le uova e un po' di latte, poi abbiamo iniziato a seminare, in quella stagione, il cetriolo dolce. Il settore “EI Mirador a La Cantera” era un campo speciale per quei frutti, cetriolo dolce, patata dolce, pomodori, cavoli, delle verdure, e parte del terreno per l'alimentazione animale. Ed è così che abbiamo iniziato, quando siamo andati a fare acquisti a Coquimbo, abbiamo preso le uova , e le abbiamo scambiate lì in un magazzino e abbiamo comprato cose. Il latte lo vendevamo a un lattaio che veniva in quei tempi, al mattino e al pomeriggio. Quindi abbiamo comprato a Gildemeister in Coquimbo,  una schiumarola e una zangola per fare il burro, ma piccola per uso familiare, ed è così che abbiamo iniziato ad emergere. A quel tempo, avendo buoni prodotti, non c'erano problemi di mercato, si vendeva tutto al mercato ...