Nuova scadenza per l'obbligo di utilizzo di SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) e CIE (Carta Identità Elettronica) per l’identificazione e l’accesso dei cittadini ai servizi in rete cioè, per gli italiani residenti all'estero, ai servizi consolari gestiti da Fast It.

La proroga, come riporta Aise, l'Agenzia Internazionale Stampa Estero, è di 15 mesi: l'obbligo scatta con il 1° gennaio 2023

Fino al1° gennaio 2023 tutti i connazionali all’estero potranno continuare ad accedere al Portale Fast It (che continuerà ad essere il canale preferenziale per le richieste di iscrizione all’AIRE) con credenziali proprie e senza necessità di usare lo SPID. Entro il 31 dicembre 2022 invece dovranno adottare le credenziali SPID.

Il 1° gennaio 2023 diventa la data a partire dalla quale le Pubbliche Amministrazioni dovranno utilizzare esclusivamente le identità digitali e la carta di identità elettronica ai fini dell'identificazione dei cittadini all'estero che accedono ai propri servizi in rete e non potranno rilasciare altre credenziali.
Gli utenti già in possesso di credenziali per l'accesso ai portali informatici, diverse da SPID e CIE, potranno utilizzarle fino al 31 marzo 2023.

Tutte le informazioni sono in questa pagina sul sito della Farnesina.